“Mio figlio è un terremoto! Iperattivo o solamente vivace?”

Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività nei bambini, conoscerlo per affrontarlo.

Dr.ssa Chiara Forno – Psicologa e Psicoterapeuta

Spesso genitori e insegnanti si trovano di fronte bambini energici, che amano correre, saltare, arrampicarsi, giocare alla lotta e che vengono descritti come “iperattivi”. Spesso però, si tratta semplicemente di bambini vivaci, interessati all’ambiente circostante e curiosi di esplorarlo con tutti i mezzi possibili: occhi, mani o tutto il corpo.

Questi bambini hanno un carattere vivace, sentono il bisogno di muoversi, corrono tanto, ma sono anche in grado di fermarsi. Proprio la consapevolezza di potersi fermare, di riuscire a modulare e regolare la propria dinamicità è un primo indicatore che separa il normale carattere vivace del bambino dal sospetto di iperattività o ADHD.

ADHD, che cos’è?

Il disturbo da deficit di attenzione ed iperattività è disturbo dell’autocontrollo che insorge in età evolutiva ed include difficoltà di attenzione, concentrazione, controllo degli impulsi ed un elevato livello di attività motoria (iperattività).

Tale disturbo ha caratteristiche specifiche quali:

  • La disattenzione (o facile distraibilità) si manifesta in genere come scarsa cura per i dettagli, facilità a dimenticare le cose, difficoltà a portare a termine un’attività, difficoltà a concentrarsi su una cosa, dimenticare di svolgere anche attività importanti;
  • L’impulsività si manifesta come: difficoltà a stare fermi anche da seduti, essere sempre in azione, incapacità di procrastinare nel tempo la risposta ad uno stimolo interno o esterno, incapacità di valutare le conseguenze delle proprie azioni (spesso si lasciano coinvolgere in attività pericolose senza avvertire realmente la presenza del pericolo);
  • L’iperattività si manifesta invece con: incapacità a stare fermi, essere molto impazienti, avere difficoltà ad attendere qualcosa che si vuole o il proprio turno di gioco, parlare senza sosta, “sparare” impulsivamente le risposte senza pensare.

I sintomi iperattivi-impulsivi o di disattenzione che causano le difficoltà devono essere presenti prima dei 7 anni e devono manifestarsi in almeno due contesti ad es. a scuola e casa.

Come si distinguono i bambini iperattivi da quelli semplicemente “vivaci”?

Quando ci troviamo di fronte ad un disturbo da deficit di attenzione ed iperattività, innanzitutto ci troviamo di fronte ad una sintomatologia che provoca una marcata compromissione del funzionamento scolastico e sociale. Quando si descrive un bambino iperattivo, si deve pensare ad un auto che corre continuamente all’impazzata, senza freni e senza controllo. Il bambino ADHD è un bambino che non riesce a gestire il suo continuo movimento e/o la sua disattenzione. Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività è quindi una patologia potenzialmente invasiva, che può favorire l’insorgenza di altri disturbi, come ansia, depressione o Disturbo della condotta, Disturbo Oppositivo-Provocatorio.

Si tratta quindi di una condizione che si differenzia rispetto ad una vivacità anche intensa, che può caratterizzare fisiologicamente i bambini in età prescolastica. A quest’età un po’ tutti i bambini sono vivaci è pertanto importante saper riconoscere i segnali di rischio dell’ADHD.

Quali segnali possono essere indicatori di una “vivacità” sospetta?

Prendiamo in considerazione i possibili “campanelli di allarme”:

  • È importante per i genitori escludere che si tratti di un comportamento reattivo, ossia legato ad eventi che il bambino ha subìto o ai quali ha assistito.
  • Esaminare e osservare soprattutto i momenti di gioco; se sono principalmente afinalistici, ossia giochi brevi senza uno schema, senza inizio e fine. Il bambino non si sofferma su un gioco in particolare ma passa da uno all’altro senza intrattenersi concluderne uno.
  • Osservare i comportamenti inconsueti, misurare i tempi attentivi, al fine di notare un’eventuale correlazione con stanchezza e irascibilità (prevalenza, ad esempio, di comportamenti vivaci o di un atteggiamento distratto).
  • Il non riuscire a stare fermo, essere sempre in movimento perpetuo, come se il bambino fosse “animato da un motorino”.

Nel caso si riscontrassero uno o più di questi segnali di intensa iperattività, disattenzione, non rispetto delle regole che porta il genitore a non riuscire a far fronte alla situazione con le sole regole educative, può essere consigliato effettuare una consulenza con uno specialista nel settore.

Vediamo ora che cos’è il disturbo da deficit dell’attenzione ed iperattività

Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività, o ADHD, è un disturbo evolutivo dell’autocontrollo che include difficoltà di attenzione, concentrazione, di controllo degli impulsi e del livello di attività. Questi problemi derivano sostanzialmente dall’incapacità del bambino di regolare il proprio comportamento in funzione del trascorrere del tempo, degli obiettivi da raggiungere e delle richieste dell’ambiente. E’ bene precisare che l’ADHD non è una normale fase di crescita che ogni bambino deve superare, non è nemmeno il risultato di una disciplina educativa inefficace, e tanto meno non è un problema dovuto alla “cattiveria” del bambino.

L’ADHD è un vero problema, per l’individuo stesso, per la famiglia e per la scuola e spesso rappresenta un ostacolo nel conseguimento degli obiettivi personali e relazionali. E’ un problema che genera sconforto e stress nei genitori e negli insegnanti i quali si trovano impreparati nella gestione del comportamento del bambino.

Innanzitutto, l’ADHD è un disturbo neurobiologico ad esordio infantile caratterizzato da evidenti livelli di inattenzione, impulsività e iperattività che spesso persistono anche nella fase adolescenziale e in età adulta. La causa è da rintracciarsi nell’alterazione di alcune aree del cervello; in particolare la corteccia prefrontale destra e i due gangli basali, che nei soggetti affetti da ADHD risultano essere meno sviluppati. Questo non significa che i bambini iperattivi presentino delle disabilità intellettive, anzi, molto spesso hanno un’intelligenza superiore alla media, che viene tuttavia accompagnata da difficoltà nell’autocontrollo, incapacità di mantenere l’attenzione per un tempo prolungato e impossibilità di filtrare i numerosi stimoli sensoriali che provengono dall’ambiente circostante. In termini pratici il cervello dei bambini iperattivi risulta quotidianamente bombardato da impulsi e informazioni che cercano di elaborare ma che inevitabilmente li rendono impulsivi, disordinati, poco attenti e ipercinetici. È estremamente difficile per questi bambini stare seduti perché rispondono a qualsiasi cambiamento intorno a loro. Questa loro ipersensibilità agli stimoli li rende delle piccole “trottole” sempre in azione che tentano di svolgere mille attività per poi concluderne pochissime.

I sintomi che caratterizzano il bambino con ADHD (iperattività, impulsività e disattenzione) non sono altro che la conseguenza dell’incapacità dell’individuo di controllare le proprie risposte nei confronti dell’ambiente. Questi bambini infatti non sono in grado di filtrare le molteplici informazioni che giungono ad ognuno di noi in ogni attimo della giornata e quindi di focalizzare la propria attenzione su un singolo compito specifico. Così le difficoltà di varia natura (sociali, scolastiche e familiari) che il bambino accumulerà nella propria esperienza di vita (e che per certi aspetti sono del tutto inevitabili) favoriranno lo sviluppo di comportamenti agitati, oppositivi, provocatori e talvolta aggressivi.

I problemi di autocontrollo del comportamento si ripercuotono negativamente sulle relazioni interpersonali che il bambino intrattiene con gli amici o i compagni. Non sorprende che i bambini con Disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività vengano più spesso esclusi o siano i meno popolari tra i compagni. Gli insegnanti li valutano negativamente non solo dal punto di vista del profitto, ma soprattutto sotto l’aspetto comportamentale e del rispetto delle regole sociali. La qualità delle loro interazioni non è adeguata, sia in contesti strutturati che nel gioco, in quanto si osserva un’alta frequenza di comportamenti negativi sia verbali che non verbali

Vediamo più nello specifico quali sono le problematiche di disattenzione ed iperattività:

L’ADHD deve essere diagnosticata solitamente entro i sette anni di età. È bene osservare i comportamenti del bambino, e se si dovessero riscontrare alcuni ipercinetici, come ad esempio gesti eccessivamente impulsivi o difficoltà nel concentrarsi, è bene effettuare una valutazione da uno specialista al fine di effettuare un approfondimento diagnostico in merito.

Come affrontare il problema?

Il trattamento per l’ADHD implica il coinvolgimento di scuola, famiglia e bambino stesso, partendo da un inquadramento del disturbo, ossia valutando se tale problematica sia da inquadrare in un disturbo da deficit di attenzione ed iperattività.

Le strategie terapeutiche possono essere attuate su tre fronti, cioè lavorando individualmente con il bambino, operando con la famiglia, attraverso delle strategie di parent education e di parent training, occupandosi del contesto scolastico con il fine di ottimizzarlo.

Il lavoro individuale con il bambino si pone gli obiettivi di insegnamento di tecniche di autocontrollo per la gestione dell’impulsività, delle procedure cognitive utili ad affrontare i problemi che si presentano e sul miglioramento degli aspetti legati all’attenzione.

L’intervento rivolto al bambino nel contesto scolastico prevede, da un lato, il lavoro con gli insegnanti, in modo che possano acquisire alcune strategie utili finalizzate al controllo comportamento del piccolo, dall’altro è necessario operare con i compagni di classe, promuovendo tutti quelli atteggiamenti inclusivi, che possano veicolare dinamiche interattive positive, per mezzo delle quali il bambino possa sentirsi accettato e capito dai coetanei.

L’intervento con i genitori del bambino affetto da ADHD si avvale di due strategie. Nel parent education si forniscono tutte le informazioni necessarie affinché i genitori siano completamente consapevoli della patologia del proprio figlio e li si aiuta e sostiene nel mettere in atto delle strategie più efficaci rispetto a quelle adottate.

Scopri di più sul servizio di Psicologia di Oasimedica®: CLICCA QUI

Cosa pensi di questo articolo?
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
Commenta attraverso il tuo account Facebook

Questo sito utilizza i cookie propri e di terze parti per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

Send this to a friend